L’Aglione della Valdichiana

LA STORIA DELL’AGLIONE DELLA VALDICHIANA

La storia dell’aglione della Chiana risale all’epoca degli Etruschi nella Val di Chiana. L’aglione della Chiana è presente anche sull’Isola del Giglio. Nel 1544 il pirata Khayr al-Din detto il Barbarossa, saccheggiò l’isola del Giglio, uccise chiunque si opponeva e deportò, come schiavi, oltre 700 gigliesi.

LE CARATTERISTICHE DELL’AGLIONE DELLA VALDICHIANA

La pianta si caratterizza per spicchi molto più grandi di quelli dell’aglio comune, che arrivano a pesare 70-80g, e i bulbi superano normalmente I 500g. Più dolce e molto meno invasivo dell’aglio, è presente in molte ricette della tradizione toscana. Una volta provato è difficile farne a meno.

Share This